commenti e opinioni

quando Ogni parola si carica d'esperienza

Commenti: 11
  • #11

    Nicola (domenica, 04 dicembre 2022 09:30)

    Bellissima e unica esperienza. Siamo partiti in 3 amici dall'Italia, tutti e tre appassionati di escursionismo. Mauro è stato super disponibile per mail e chiamate a rispondere a tutti i nostri dubbi. Il trasporto da Marrakech è stato confortevole, i ragazzi sul posto sono stati premurosi e ci siamo divertiti molto insieme a loro. I luoghi attraversati sono magici, è stato tutto intenso ma allo stesso tempo tranquillo. Alzarsi di notte per andare alla toilette camminando a piedi scalzi sulle dune fresche alla luce della luna nel silenzio è stata una delle cose inaspettatamente più belle ! Consiglierei a tutti, ma soprattutto agli appassionati di escursionismo, questa esperienza

    Grazie a Mauro, Mustafà, Said, Ibrahim, Ibrahim, Naji, Ahmed e agli altri dello staff

    Nicola, Giancarlo e Federico

  • #10

    marzia (venerdì, 04 novembre 2022 10:40)

    Sono appena rientrata dal tour....che dire? L'esperienza ha superato ogni aspettativa. Tutto perfetto, a partire dal transfer da Marrakech a M'hamid alla camminata nel deserto. Senza fretta e assaporando ogni momento, le camminate, i falò, le chiacchiere e le notti in sacco a pelo sotto migliaia di stelle. Hai l'essenziale ma è tutto quello che ti serve. Un grazie speciale ai nomadi che ci hanno guidato in questa esperienza, peccato che sia finita troppo in fretta. Ma sono pronta a ripartire per un giro più lungo, ci rivediamo in primavera. A presto, inshallah

  • #9

    Marco Prampolini (domenica, 11 settembre 2022 17:16)

    Deserto 2022
    Aprile 2022, è ora di ripartire, l'ansia della sedentarietà post- pandemia mi rende ansioso, ma dopo due anni di ricerca e di sogni, si è ora di ripartire...
    Passo indietro, non mi ricordo neanche come, probabilmente le mie continue ricerche mi portano all'occhio una pagina Instagram: Harmony_ Desert_viaggi, scrivo, mi risponde Mauro, ci chiamiamo, mi risponde ad ogni domanda.... sono un po particolare come viaggiatore...non sono quello che cerca la foto, sono quello che cerca se stesso conoscendo l'altro. Mauro è paziente, Mauro è un viaggiatore!
    Qualche burocrazia, qualche tampone e mi ritrovo a Marrakech, grazie ad un mio contatto dall'Italia vengo proiettato in questo nuovo mondo, mi perdo il primo giorno, ascolto la musica, vengo invaso da odori e sapori... e dai commercianti, che provano a vendermi di tutto...torno nel mio riad ( perchè se vai in marocco DEVI dormire in un Riad!!) mi riposo, ho le emozioni a mille il giorno dopo devo incontrare il Transfer ( servizio presente nei pacchetti del gruppo) e da quel che mi diceva Mauro altre due o quattro persone con le quali avrei condiviso l'esperienza nel deserto.
    Sono le 06:30 il mio contatto mi lascia in piazza a Marrakech, arriva il pulmino, attendiamo i miei compagni, sono le 07:30... non arrivano.... e ora? Il ragazzo mi fa salire sul pulmino, faccio una premessa, viaggio tanto, ma sono una schiappa nelle lingue, inglese, francese, spagnolo diciamo che le italianizzo molto...
    Arriviamo in una pompa di benzina, si ferma, mi fa cenno di scendere, e ci avviciniamo ad un taxi locale, parlano tra di loro... alla fine mi guarda e mi dice che non dovrò pagare niente, e di salire... in quel momento mi scoppia il cuore..... ma di gioia!!!! Ecco, è iniziato il vero viaggio!!! partiamo e dopo quasi 11 ore di taxi ( con cambio ad Ouarzazate) qualche sosta ristoro, e risate in lingue diverse arrivo a M'hamid El Ghizlane dove ad attendermi c'è un bel pick-up e una jeep, conosco subito: Atman Ibrahim e Said.
    Dopo neanche 20 minuti di viaggio nel deserto, arrivo al Bivacco fisso, e capisco subito che sono nel posto giusto, casette per ospiti con lo stretto necessario per dormire, una grande tenda dove si mangia, il fuoco, tappeti, la casetta dei servizi, una sala comune, la casetta dello staff...Dove? Immerso nel deserto.... sono esterrefatto, mi cambio al volo, e mi sdraio su quei tappeti... ci sono solo io al momento, e mi rilasso, neanche il tempo di appoggiarmi che mi portano il The e qualche snack, e mi riferiscono che Said arriverà più tardi a spiegarmi tutto... il sole inizia a tramontare e io sono ancora li da solo, sto bene, non c'è rumore, si respira, sono emozionato come un bambino al lunapark. Arriva la cena, tajine di pollo ( credo che sia diventato il mio piatto preferito) inizio a mangiare e.... ARRIVA Said, questo ragazzo è il capo del posto, mi spiega insieme ad Ibrahim che parla un bel inglese ( a differenza mia) che i miei compagni non arriveranno, e quindi che partirò il giorno dopo per il Deserto con una Guida, ma da solo, chiedendomi se fosse un problema anche il gap linguistico che ci sarebbe stato.... ovviamente ho detto di no, non stavo più nella pelle, io amo viaggiare da solo, questo è stato un incredibile dono che mi è stato dato... mi sdraio sui tappetti mi accendo una sigaretta, guardo in cielo, quante stelle, frena.... stella cadente... piango.. vado a letto.
    La sveglia nel deserto è presto, inizia il mio viaggio insieme ad Ahmed, un signore in abiti tradizionali, e due cammelli. Camminiamo e a camminiamo inizia in me ad addentrarsi un nuovo modo di farlo, quello di essere senza “obbiettivo” situazione abbastanza insolita per chi è abituato a camminare vedendo la cima davanti a sé.
    Insieme a Ahmed abbiamo camminato nel deserto per giorni, mi ha portato a vedere dei bivacchi utilizzati dai beduini, la Grand Dunas, il deserto di roccia, abbiamo visto cammelli liberi, cieli infiniti, via lattea e cosi dicendo...
    Ma non credo sia quello il solo motivo per cui andarci, in questo deserto ho imparato grazie alla vicinanza stretta con Ahmed ad vivere una nuova cultura e ad assaporare quella umanità di essere persone che si stà perdendo. Ahmed mi ha accolto e nonostante il grosso gap linguistico io e lui ci siamo capiti, abbiamo riso, capiva con un gesto di cosa avevo bisogno. I gesti! Ecco perchè dovresti andare nel deserto, ogni singolo gesto e cultura e condivisione (come il pane cotto nella sabbia e mangiato sotto un cielo stellato).
    Ogni sera ci sedavamo su questi teli sotto le stelle e guardavamo in silenzio il fuoco, andare nel deserto è questo, è andare con se stessi.
    La mia esperienza non la dimenticherò mai, e con essa nemmeno le persone che mi hanno accompagnato. Un consiglio se vai? Stai con te stesso il più possibile

  • #8

    Bruno Rossi (lunedì, 24 febbraio 2020 15:15)

    Ciao Mauro, ho vissuto tutto ciò che hai scritto, anche di più! Ho imparato molte cose sull’orientamento su come muoversi in ambienti ostili, come condurre animali in sicurezza , sono stato lasciato “libero” di muovermi in autonomia, perché i beduini dopo avermi insegnato come ci si orienta nel deserto.
    “ in fondo è un po’ come per la navigazione guardare la posizione del sole, osservare la conformazione delle montagne e prendere punti come riferimento , la vegetazione , i diversi tipi di dune, ecc ecc” Li ho tempestati di domande con fatica ma alla fine ci siamo sempre capiti.
    Ho avuto l’onore ed il piacere di trascorrere del tempo con uomini forgiati dal sole, persone speciali hanno un amore è un rispetto per la loro terra e tutto ciò che ne fa parte smisurato! Sono forti e fieri.

  • #7

    Veronica (lunedì, 28 ottobre 2019 11:05)

    Ciao Mauro,

    Oggi sono tornata a Marrakech da M'Hamid...cosa dire se non che...non ho le parole adatte per descrivere un'esperienza tanto unica quanto toccante...forse devo ancora metabolizzare tutte le emozioni e i vissuti dei giorni trascorsi..
    Mi hanno accompagnato due ragazzi eccezionali (il cugino di Said ed un altro ragazzo), con cui mi sono trovata subito bene e con i quali non è stato necessario darsi troppe spiegazioni reciproche: mi sono sentita coccolata ed accolta, e la cosa bella è che tutto è avvenuto in modo naturale!!

    Più che mai deserticamente, Veronica.

  • #6

    Domenico Caroli (lunedì, 07 ottobre 2019 15:52)

    SIamo partiti in 3 non sapendo cosa ci aspettava e non ce ne siamo pentiti. Mauro é stato gentile ed esaustivo sin dal principio e poi le guide gentilissime e gran lavoratori.

  • #5

    Giuseppe Mieli (mercoledì, 07 agosto 2019 16:04)

    Ottima organizzazione. Cercavo una piccola agenzia e l'ho trovata. Consiglio.

  • #4

    Valerio (martedì, 29 gennaio 2019 18:53)

    Ho scoperto I viaggi di questa piccola agenzia Italiana.Tutto é stato al di sopra delle mie aspettative. Mi raccomando continuate cosí!

  • #3

    Simone (mercoledì, 23 gennaio 2019 05:06)

    Il viaggio è stato molto interessante.
    Grazie a Harmony Desert che ha preparato tutto nei dettagli.
    Said, Mauro e Karen sono gentilissimi, disponibili, competenti e sempre pronti a consigliarti per il meglio.
    Sono molto soddisfatto. Esperienza da rifare

  • #2

    Stefania (martedì, 22 gennaio 2019 11:04)

    Agenzia giovane ma ben organizzata. Che bell’esperienza! Grazie a Mauro per l’organizzazione. Consiglio vivamente.

  • #1

    MIchele (venerdì, 19 ottobre 2018 11:23)

    Saïd é stata una guida incredibile, con la sua simpatia, la storia della sua tribù e tanti altri aneddoti...